corso estero, studiare in canada, emigrare in canada, corso d’inglese

CHE FIGHI GLI SCOOTER HONDA!

Postato il

Secondo le statistiche, gli scooter più amati e acquistati dai giovani italiani sono quelli della serie SH Honda. Prezzi variabili dai 4.500 fino ai 6.000 euro, a seconda dei modelli e degli accessori.

Belli, rombanti, fighissimi!

Non certo a buon mercato, ma in giro ce ne sono anche di meno costosi. Per non parlare del fatto che c’è anche chi si accontenta di tenersi il vecchio scooter ancora per un anno o due. Perché non può. Oppure perché forse ha un modo migliore per investire i suoi soldi.

Sì, perché, con gli stessi non dati a Honda, potreste venire a studiare inglese in Canada, all’ILAC, grazie ai prezzi scontati e ai servizi speciali di Yes2Canada, facendo un supercorso di alcuni mesi dal quale uscireste come dei draghi nella lingua inglese.

Attenzione, non sto parlando del soggiorno “3 settimane a Londra mordi e fuggi”, che vi lascia il livello d’inglese quasi inalterato, vi costringe a un soggiorno risicato nella carissima (nel senso dei prezzi…) capitale britannica, circondati da una marea di connazionali che a tutto pensano fuorché a imparare davvero l’inglese.

No, no. Qui parliamo di un corso vero, di 3, 4, 5 mesi o più (a seconda di quanto veramente padroneggiate la lingua al momento di iniziarlo), quindi di un soggiorno prolungato in una realtà che probabilmente non avevate mai sperimentato, una dimensione nuova ed entusiasmante, un’esperienza dalla quale uscirete veramente fluenti in inglese. Anzi no, uscirete persone diverse, più competenti, più pronte ad affrontare il mondo, più internazionali. Altro che giro in scooter! Sarà il giro della vostra vita.

Sì, lo so, … l’inglese uno lo potrebbe studiare anche nella sua città e poi fare un paio di settimane a Londra per “perfezionare la pronuncia”. Scordatevelo.

Quello è il sistema per “masticare” l’inglese, non per impararlo davvero. L’unico modo per imparare una lingua è di andare a vivere dove si parla. Altrimenti è come imparare a nuotare nella vasca da bagno.

Imparare una lingua è molto di più che saperne pronunciare benino un certo numero di vocaboli, tenuti assieme da una grammatica più o meno acrobatica. La lingua è l’espressione di un popolo. È il modo in cui quel popolo esprime le sue emozioni, i suoi bisogni, i suoi desideri. Per apprenderla bisogna viverla. Lì, in mezzo alla gente che l’ha creata e che la usa ogni giorno.

La cosa fantastica è che andando a impararla laddove si parla, alla fine non s’impara solo una lingua, ma si conosce anche un universo nuovo, un modo nuovo di pensare a se stessi, al proprio futuro, alle proprie ambizioni.

L’Italia, per quanto bellissima e nonostante tutto ancora piena di cose e persone meravigliose, è diventata uno dei posti più deprimenti al mondo in cui un giovane possa trovarsi. Tutto quello che alle generazioni precedenti era stato messo a disposizione, raggiungibile con un po’ di buona volontà, oggi non esiste praticamente più. Non c’è più lavoro per i giovani, non ci sono più sogni. Si vive alla giornata.

C’entra tutto questo con lo studiare inglese in Canada? Hai voglia se c’entra! In tempi nei quali qualunque prospettiva di lavoro e di sviluppo personale è più ostruita di un casello autostradale al ritorno dalle ferie, bisogna “inventarsi” soluzioni innovative. Per esempio, farsi bastare ancora per un po’ il vecchio scooter e spendere, invece, quei soldi per cambiare la propria vita.